domenica 6 maggio 2007

Anche le femministe piangono

Che giornate! La cerimonia di venerdi di premiazione si prospettava triste, e' mancato il padre di una mia cara amica di qui e dunque voglia di celebrazioni zero. Comunque, e' stato commovente, non ero la sola premiata ed e' stato bello vedere come i professori di qui tengano al successo degli studenti e li sostengano.

Prima di darmi il premietto la capa del mio dipartimento ha letto la lettera di una mia prof che ha sostenuto la mia candidatura, quando ha finito di leggerla io ero quasi in lacrime e anche il pucciu mi ha detto che si e' quasi commosso (non negare!)

Ora, la prof che ha scritto la lettera e' una prof con cui ho seguito un corso e ne sto seguendo un'altro e mi ha colpito il fatto che non solo si sia sbattuta a scrivere una lettera (in Italia le lettere di raccomandazione le scrivevo io ed il prof firmava) ma anche l'enfasi con cui mi ha sostenuta. Per dire, anche due altri prof sono venuti apposta per vedermi ritirare il premio. Uno praticamente non lo conoscevo ma si e' offerto di aiutarmi se dovessi avere problemi con visti etc. e questo non succede solo a me, ma e' l'attitudine generale di gran parte dei prof, che vedono l'insegnamento non come un tappabuchi oltre alla loro eventuale attivita' professionale, ma come la loro reale, vera professione.

Comunque sia, alla fine e' scesa qualche lacrima ma abbiamo anche un po' riso. Qualcuno si e' stupito del fatto che nel mio discorso li abbia fatti ridere. Hmmm, forse ci devo riflettere....

Ora sono l'orgogliosa proprietaria della mitica borsa dei Women's Studies che abbiamo usato ieri per la spesa (il Pucciu non voleva portarla lui, che uomo di ampie vedute), e sono anche nella merda fino al collo con un articolo da finire, dunque chiudo e vado a scrivere le mie cazzatine.

5 commenti:

  1. Bhe... congratulazioni per il riconoscimento! Comunque ho notato anche io un atteggiamento molto diverso dei prof rispetto a quelli italiani... ma è così ovunque! E' solo in Italia che la situazione è diversa. Non spreco altre parole su questo argomento perché, appunto, sarebbero sempre e solo parole sprecate purtroppo! Le cose non cambiano!
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. complimenti dallo zoo tutto.

    RispondiElimina
  3. BMV - Pedrita10:15 AM GMT-5

    Congratulescions.

    Ma avevi anche quel completino tipo tonaca e cappellino con pendaglio che quando sali sul palco è da un lato e quando prendi il diploma lo giri dall'altro (ah, la metafora del passasaggio!)?

    RispondiElimina
  4. No quella e' la cerimonia di graduation, a cui dovrei partecipare a Dicembre. Ho ricevuto solo una pergamena.
    Grassie a tutti.

    RispondiElimina
  5. Ciao!!!
    Ho letto con grande conforto che anche tu hai dovuto scriverti le tue lettere di presentazione che poi il prof firmava!!! Siccome mi trovo anch'io nella stessa situazione, non è che avresti qualche consiglio da darmi??? Per me è una cosa totalmente nuova e non so cosa scrivere, nè in che forma (se parlare di me in terza persona come se fossi il prof o cose del genere), nè su cosa precisamente scrivere...ti sarei molto grato se riuscissi a darmi qualche dritta!!!
    Ciao e complimenti per la premiazione!!

    Michele

    RispondiElimina